Ombre e riflessi

Da Lucian

Quando abbiamo accettato queste armi, abbiamo accettato con orgoglio la nostra missione. Liberate Runeterra dal male, ci dissero. Rispedite la feccia del mondo nel buco da cui è spuntata. Ma non tutti possono brandire certe armi. Serve un cuore puro. Una mente impavida. Una luce interiore che sovrasti l'oscurità del mondo. Un tempo avevo quella luce. Ora non ne sono più così sicuro.

Tutto è cambiato. Sapevamo che la nostra missione era più grande di noi due messi insieme. Il nemico non era chi combattevamo, ma cosa combattevamo. Il male. Le Isole Ombra? Erano soltanto un altro pasticcio da sistemare, un branco di fantasmi. Erano degli abomini, ma nulla che non avessimo già affrontato in passato.

Finché non abbiamo affrontato lui. Fino al giorno in cui l'ha strappata dalla mia vita. Ora il mio nemico ha un nome. Lei non avrebbe voluto che la seguissi. Conosceva bene i rischi. Ma non posso dimenticarla. Non la dimenticherò. Darò la caccia al bastardo che me l'ha portata via, e lo spedirò dritto nella tomba.

Due volte, se serve.


6 years ago

Etichettato con: 
Lucian, storia

Contenuto collegato