Dettagli campione: Galio, il colosso

Da Cactopus

Galio sarà anche un gargoyle, ma non si è mai comportato come tale.

I veri gargoyle hanno uno scopo architettonico preciso, e non è quello di rendere spaventosi i vecchi edifici. In realtà dovrebbero essere dei doccioni. L'acqua piovana entra in un canale sulla schiena del gargoyle, che poi la fa defluire lontano dai lati dell'edificio per evitare l'erosione della malta. Fondamentalmente gli architetti usano i gargoyle per abbellire le grondaie.

Ma non è sicuramente il caso del nostro amico Galio: è una statua vivente che affronta nemici che usano la magia. E quando ci siamo messi al lavoro sul restyling della tristezza della sentinella, abbiamo deciso che quello non sarebbe cambiato. Ma volevamo renderlo un personaggio più importante nella storia di Demacia. Ci serviva che fosse più grosso.

Cioè, molto più grosso.


DA DOCCIONE A COLOSSO

Molto tempo fa, gli esploratori demaciani scoprirono qualcosa che avrebbe cambiato per sempre la loro civiltà: la petricite. È una specie di legno fossile che possiede proprietà antimagiche. Per i demaciani, che odiano la magia e temono di essere invasi dai nemici che ne fanno uso, la petricite fu una benedizione. Costruirono la loro città su una collina in mezzo a una foresta di petricite, utilizzando il prezioso materiale per costruire le mura.


"Ogni volta che viene usata la magia, ci sono delle conseguenze."


Queste mura funzionavano benissimo quando si trattava di difendere Demacia da maghi nemici, ma non per proteggere i soldati che uscivano per battersi sul campo di battaglia. E così un saggio stratega demaciano ordinò di costruire un "muro portatile di petricite" che fosse possibile portare in battaglia. Uno scultore di nome Durand venne incaricato di compiere il lavoro, e così realizzò un enorme essere fatto di petricite. La statua fungeva sia da protezione sia da stendardo sotto il quale si radunavano i soldati demaciani.

Nel corso degli anni, la statua di petricite assorbì innumerevoli attacchi magici. Ogni volta che viene usata la magia ci sono delle conseguenze, e in quello specifico caso esse furono enormi; un giorno, mentre i demaciani affrontavano un'enorme bestia magica, la statua di petricite prese vita.

Ma questo è successo molto tempo fa. Oggi nessuno ricorda l'ultima volta in cui il colosso si è svegliato, e alcuni neanche credono alla storia di Galio. Mentre sorseggiano tè biologico demaciano e si lisciano i tipici baffoni, questi giovani scettici ridono delle vecchie storie e le considerano favolette a cui solo degli sciocchi potrebbero dar credito.

Ma, nonostante ciò, tutti a Demacia vedono Galio come il grande simbolo della loro civiltà. È una statua colossale che rappresenta libertà eterna, sicurezza e guerra.


L'UOMO DI PETRICITE ARRIVA NELLA LANDA

Quando sei un tank non basta essere imponente. Ti vuoi sentire imponente. Il designer dei campioni Sol "Solcrushed" Kim voleva che chi usa Galio potesse sentirsi un mostro enorme mentre utilizza gli incantesimi dell'uomo di petricite. "Per questo tutto quello che fa è così esagerato e... colossale", dice Solcrushed. "Ogni cosa che fa ha un suo peso, come se a farlo fosse proprio un'enorme, gigantesca statua."


"Se i demaciani costruissero la loro Statua della Libertà, come sarebbe fatta?"


Ma ben presto Solcrushed ha scoperto che non sempre giocare in modo "pesante" è divertente. Inizialmente, la E di Galio (Pugno della giustizia) era stata pensata per avere un lungo periodo di caricamento prima dello scatto. Ma secondo Solcrushed la cosa non funzionava. "Così ho pensato a un'animazione preparativa prima dello scatto", ci racconta. "Anche se lo scatto avviene lo stesso in ritardo, funziona molto meglio perché dà la possibilità di muoversi. Quando si preme il tasto succede comunque qualcosa."

Naturalmente Galio non è soltanto un enorme essere di pietra che ama prendere a pugni le cose: è il grande difensore di un intero popolo, e deve avere un aspetto adatto al suo ruolo. La concept artist Gem "Lonewingy" Lim la vede così: "Se i demaciani costruissero la loro Statua della Libertà, come sarebbe fatta?"


PUGNI CARICHI DI GIUSTIZIA E LIBERTÀ PER TUTTI

La prima cosa che abbiamo dovuto prendere in considerazione quando abbiamo pensato all'aspetto di Galio è il suo ruolo nella nuova storia: difendere i demaciani in battaglia. Anche prima di prendere vita, Galio svolgeva egregiamente questa funzione. "Quando i cavalieri demaciani andavano in guerra", ci spiega Lonewingy, "erano protetti dalle proprietà antimagia emesse dalla statua." Grazie all'aura che emanava era difficile disarcionare i cavalieri dalle leggendarie viverne di ebano. A questo scopo, lo scultore Durand creò Galio dandogli l'aspetto di un ibrido tra cavalieri e viverne, per simboleggiare l'unità delle bestie con i guerrieri demaciani.


"Volevamo che la suprema di Galio fosse davvero spettacolare, tipo una mossa di wrestling." –JohnODyin


Anche le grandi ali del colosso rappresentano la sua funzione protettiva, e formano uno scudo ogni volta che si mette in posizione difensiva. È bianco e oro, i colori di Demacia. C'è una sorta di patriottismo sopra le righe nel suo design. Galio è fiero e sfacciato. È seriamente ligio al suo compito di difensore di Demacia, ma possiede anche un lato allegro. "La gente vede una scultura imponente e pensa che debba comportarsi in modo maestoso", ci spiega lo scrittore John "JohnODyin" O'Bryan. "Abbiamo pensato che deviare un po' dalle aspettative sarebbe stato più interessante."

Il gioioso vigore di Galio è dovuto in parte alla sua personale visione del mondo. Sebbene sia molto antico, si "sveglia" solo per qualche minuto alla volta e questo gli fornisce una percezione del mondo molto limitata. "In pratica, è come se fosse estremamente euforico di potersi muovere dopo tanto tempo", dice JohnODyin. "Lavorare a Galio è stato piacevole perché non ha sentimenti complessi nei riguardi del combattimento. È solo felice di essere vivo e scatenarsi."

Galio si sta scatenando ora sul PBE.


2 years ago


Contenuto collegato